Gubbio, la nostra città

le Iniziative

Le iniziative dell’Associazione “Maggio Eugubino” sono numerose e per lo più rivolte ai settori folkloristico, turistico e culturale.

È naturale pensare che le attività abbiano subìto negli anni un’evoluzione. Alcune sono state abbandonate, altre sono state mantenute e migliorate.

Inizialmente fino ad un recente passato, ad occupare l’Associazione c’erano iniziative come:

  • l’uscita di 4 – 5 numeri all’anno de “L’Eugubino”, periodico dell’associazione;
  • l’imbandieramento della città e delle mura, in occasione delle maggiori feste cittadine;
  • il contributo all’acquisto delle divise da ceraiolo;
  • la cerimonia dell’investitura del 1° Capitano dei Ceri sulla scalea del Palazzo dei Consoli;
  • la “vestizione” in costumi del ‘300 dei Balestrieri;
  • il Veglione dell’ ‘800 e del Ceraiolo per Carnevale;
  • le mostre di pittura per gli artisti stranieri;
  • la presenza, per iniziativa del Maggio Eugubino, di gruppi di Balestrieri e poi anche di Sbandieratori in Italia e all’Estero;
  • la visita del Presidente del Maggio Eugubino ai concittadini emigrati in Belgio e in Lussemburgo;
  • il gemellaggio di Gubbio con Thann;
  • il Convegno Intercomunale per far conoscere ai turisti le bellezze dei nostri Monti Catria e Cucco;
  • il Palio dei Quartieri il 14 agosto;
  • l’arredamento delle sale da pranzo dell’Astenotrofio Toschi – Mosca;
  • il Monumento a S.Francesco davanti alla Chiesa della Vittorina;
  • l’inaugurazione del Parco della Vittorina (con la realizzazione del prato, dell’impianto idrico e della “staccionata” e con la piantagione di olivi, lecci, querce e noci);
  • i tre francobolli delle Poste Italiane su Gubbio (serie turistica, 500° di Federico da Montefeltro, Festa dei Ceri);
  • le 12 Mostre di Filatelia;
  • gli arazzi dei 4 Quartieri e delle 24 Contrade;
  • la realizzazione dei nuovi Ceri Piccoli;
  • la Mostra Iconografica sulla Festa dei Ceri;
  • il Patrocinio di tante iniziative minori (dalla ginnastica artistica al Cantamaggio, a mostre fotografiche, ecc.).

Nonostante il progressivo ridursi delle risorse finanziarie erogate dagli Enti locali - a causa delle ben note problematiche della finanza pubblica - il "Maggio Eugubino" continua a mantenere gran parte delle sue attività, prospettando di compensare la situazione economica con una maggiore efficienza operativa.

Tra le iniziative recenti si occuperà di:

  • Mantenere la cadenza degli ormai sei numeri annuali del PERIODICO “L’EUGUBINO”, non solo per fornire agli associati un’informazione il più possibile ampia e tempestiva, ma anche per valorizzare al massimo la funzione non secondaria di veicolo di promozione dell’immagine della Città in Italia e all’Estero, considerando che meno della metà della tiratura standard viene spedita fuori regione.
  • Per la FESTA DEI CERI, curare l’installazione dei gonfaloni nei punti più caratteristici della Città provvedendo alla periodica sostituzione di quelli usurati o danneggiati, alla manutenzione delle antenne ed ai connessi oneri assicurativi di R.C. Continuare nella distribuzione, a prezzo agevolato, di arazzi di elevata qualità, sia per fatture materiali che per disegno ed estetica, per adornare, in modo uniforme e dignitoso, balconi e finestre di edifici privati in occasione della Festa. Esperti dell’Associazione saranno, come di consueto, presenti al tavolo di coordinamento e di organizzazione della Festa dei Ceri per contribuire alla soluzione di problemi relativi alla regìa complessiva. L’Associazione si occupa di curare direttamente, di concerto con le altre componenti, gli eventi specifici che tradizionalmente rientrano nella sua competenza, quali la cerimonia in onore dei ceraioli defunti, la preparazione e consegna dei mazzolini dei fiori ed il cerimoniale che precede l’alzata.
  • Sostenere, come da tradizione, l’intero onere della FESTA DEI CERI PICCOLI di cui può vantare la paternità. E, grazie all’impegno dei propri associati ed al sostegno ed alla sensibilità di piccoli grandi sponsor, provvedere all’intera organizzazione (banda musicale, fiori, inquadramento e strumenti dei tamburini, cavalli, assicurazione) nonché al tradizionale pranzo dei piccoli ceraioli che viene offerto in modo del tutto gratuito ai piccoli partecipanti.
  • Insieme all’Università dei Muratori ed alle Famiglie Ceraiole verrà realizzato, presso le Scuole Medie Superiori di Primo Grado della Città, il progetto “GIORNATE DEL CERAIOLO” che prevede una serie di incontri volti a far conoscere la storia della Festa e a tramandarne i valori più autentici.
  • Il “Maggio Eugubino”, anche in qualità di membro fondatore dell’Associazione Manifestazioni Storiche dell’Umbria, si adopera con le proprie risorse, sia finanziarie che organizzative, affinchè il TORNEO DEI QUARTIERI – che si svolge in un periodo di grande afflusso turistico come è il 14 agosto – trovi una collocazione di ampia visibilità nel panorama delle rievocazioni storiche della regione. Grazie all’indispensabile e coordinato apporto di altre componenti, quali le Associazioni dei Quartieri, la Società dei Balestrieri ed il Gruppo degli Sbandieratori.
  • Di concerto con altre Associazioni cittadine e con la preziosa collaborazione di artigiani e ceramisti locali che mettono a disposizione a titolo gratuito i propri lavori, si lavora su una nuova edizione dell’iniziativa BROCCHE D’AUTORE, consistente nella realizzazione e successiva esposizione da parte di tre artisti celebri della ceramica – di cui uno straniero, uno italiano e uno eugubino – di “brocche” liberamente ispirate a quelle utilizzate nella cerimonia dell’ “alzata” dei Ceri. Le opere d’arte così realizzate vanno ad arricchire, anno dopo anno, il patrimonio artistico della Città.
  • MOSTRA DI IMMAGINI D’EPOCA DI GUBBIO. Saranno oggetto di mostra anche le immagini di Gubbio e dei suoi dettagli, edite a partire dal 1906 dalla tipografia Tilli di Perugia.
  • Realizzare, nel periodo estivo, presso la “Galleria Palazzo della Porta in Corso Garibaldi la MOSTRA DELLA CERAMICA ARTISTICA DI GUBBIO NEGLI ANNI ’50.
  • Continuare, in collaborazione con gli Sbandieratori, la realizzazione del Progetto “ARTI E MESTIERI A GUBBIO – ARTIGIANATO ARTISTICO E CITTA’ ”. In sostanza, una mostra che raccoglie le opere realizzate da maestri artigiani del territorio che, con la loro sapiente manualità, svolgono una missione fondamentale nel panorama della cultura quando compiono attività di recupero, di restauro, di reinterpretazione, di attenta lavorazione, di approfondimento, di documentazione e trasmissione dei saperi.
  • Il PROGETTO STUDIOLO prevede la realizzazione della replica a grandezza naturale e con tecniche e materie originali dei pannelli a tarsia lignea che costituivano l’arredo dello Studiolo di Federico da Montefeltro nel Palazzo Ducale di Gubbio.
  • Sul modello di quanto avviene negli altri principali centri dell’Umbria, l’Associazione si occupa di curare l’ILLUMINAZIONE NATALIZIA del Centro Storico della Città, fornendo il necessario supporto amministrativo ed organizzativo alle Associazioni di categoria ed ai gruppi di commercianti che intendono provvedere all’istallazione di luminarie natalizie nelle rispettive zone promuovendo una progettazione e realizzazione unitaria dell’illuminazione.
  • Affiancare S.E. il Vescovo di Gubbio nell’attribuzione delle BORSE DI STUDIO del lascito Luigi Ceccarelli agli studenti più meritevoli delle scuole eugubine di ogni ordine e grado, secondo le deliberazioni dell’apposito comitato costituito per dare alla meritoria iniziativa una precisa connotazione giuridica. Proseguirà inoltre la collaborazione con il gruppo COLACEM per l’assegnazione di borse di studio per un ammontare di circa Euro 9.000 agli allievi degli istituti di istruzione superiore di Gubbio che abbiano riportato le migliori votazioni in assoluto.
  • Proseguire l’attività della SEZIONE FILATELICA, con la predisposizione di annulli postali speciali figurati che costituiscono ormai da anni un prezioso e collaudato strumento di promozione di eventi più significativi del folklore eugubino. Si pensa di organizzare, per il periodo della Festa dei Ceri, una mostra di tutti gli annulli dal 1970 ad oggi.
  • CONTATTI CON GLI EUGUBINI LONTANI. Come da Statuto, il “Maggio Eugubino” tenta di mantenere e rafforzare i legami fra i discendenti degli Eugubini emigrati e la Città di origine che fisiologicamente tendono ad allentarsi. Un esempio tra tutti: una delegazione dell’Associazione accompagnerà i Capitani dei Ceri e i Capodieci neo-eletti al “Convivio di Primavera” che si tiene a Roma a c ura del Comitato Romano del Maggio Eugubino, per incontrare e festeggiare la numerosa comunità eugubina ivi residente.
  • Nel 2007 si propone di organizzare una mostra di ceramica, di bozzetti e di disegni di Pietro Rampini - ricorrendo il decimo anniversario della sua morte- per ricordarlo come uomo d’arte e di cultura e come persona fortemente legata a Gubbio.
  • Contribuire gratuitamente, con l’apporto di propri qualificati esperti e con il conferimento delle strutture di cui è dotata, all’organizzazione delle più significative iniziative culturali e benefiche promosse dalle Istituzioni o da privati, purchè senza alcun fine di lucro.
  • Organizzare alcune visite guidate della Città e del Comprensorio in un progetto dal nome: CONOSCERE GUBBIO.

« L'Associazione degli eugubini che collabora con gli eugubini!»