BILANCIO PIÙ CHE POSITIVO PER GUBBIO SCIENZA 2017 CHE GUARDA AL PROTOCOLLO D'INTESA PER LA NASCITA DI UN POLO SCIENTIFICO.

13 Luglio 2017

Dopo dieci giorni Gubbio Scienza 2017, alla sua edizione zero, è giunta al termine. Tanti i motivi di soddisfazione e di orgoglio ma ancora tanto il lavoro da fare e le sinergie da stringere per raggiungere l'obiettivo del medio?lungo termine: realizzare il Polo Scientifico dedicato alle micro energie. Intanto, per raccontare cosa è stato l'evento di divulgazione scientifica, qualche numero e qualche informazione. ? 10 i CAFFÈ SCIENTIFICI che hanno animato piazza Oderisi, piazza Grande, piazza Bosone, Piazza Giordano Bruno e piazza San Giovanni, con 29 ospiti tra giornalisti, docenti universitari, scienziati internazionali, avvocati, commercialisti, amministratori, imprenditori, sismologi, artisti. Almeno 1000 le persone che hanno partecipato come pubblico: persone di ogni età e con diversi interessi e competenze, tutte abilmente coinvolte nelle tematiche specialistiche divulgate con estrema semplicità e ironia. Si è discusso di robotica, di terremoti, del calcolo delle probabilità, delle leggi della fisica e della matematica che tocchiamo con mano tu ti i giorni, delle difficoltà del mondo dell'imprenditoria e delle sfide degli amministratori nel traghettare le città medievali verso il traguardo delle "città Smart". Bellissime infine le immagini delle piazze vive e pulsanti, grazie alla collaborazione e alla disponibilità di bar, pub e pizzerie. ? 7 gli EXHIBIT interattivi in giro per il centro storico di Gubbio, pensati per curiosi di ogni età: centinai di persone hanno partecipato attivamente raccogliendo questa grande opportunità che l'evento ha offerto. Grandi e piccini hanno camminato sull'acqua, hanno scoperto che le vibrazioni del cruscotto di un'auto possono alimentare molti sensori evitando il cablaggio della vettura con metri e metri di cavi, hanno visto illuminarsi su un monitor quanta energia producono qualche passo, hanno pedalato su delle cyclette per ricaricare cellulari o per far accendere una lampadina. Postazioni aperte tutti i giorni, sino al dopo cena, grazie al lavoro dei volontari del Post? museo della scienza di Perugia e agli studenti degli istituti superiori di Gubbio. Con il progetto Alternanza scuola lavoro infatti sono stati tanti i ragazzi a disposizione del pubblico. ? 15 LABORATORI PER BAMBINI, in Ludoteca e in Biblioteca, per trascorrere qualche ora a stretto contatto con la scienza. Oltre 500 i bambini e ragazzini coinvolti, con i laboratori gratuiti sold out già settimane prima dell'avvio dell'evento. ? 3 giorni intensi dedicati alla NiPS SUMMER SCHOOL al Centro Servizi Santo Spirito: 40 i ragazzi arrivati da India, Giappone, Algeria, Francia, Germania, Svezia, Spagna, Lituania, Paesi Bassi, dalle università di Perugia, Trento, Pisa, da La Spaienza di Roma. Alla sua ottava edizione erano arrivate richieste anche dal Malawi, dal Nepal e dall'Egitto ma problemi relativi al visto hanno impedito agli studenti di partecipare. 10 le lezioni sul tema ENERGY HARVESTING:MODELS AND APPLICATION con ricercatori e professori a insegnare tutto sull'energia: dalle leggi base della termodinamica passando per l'entropia fino a come migliorare l'efficienza energetica delle batterie dei telefonini. ? 4 giorni con 60 tra speaker e auditori: studiosi, scienziati, professori,responsabili di aziende provenienti da Nuova Zelanda, Argentina, Giappone, Usa, India, Francia, Inghilterra , Lussemburgo, Svezia, Germania, Spagna, Irlanda, Italia, Iran, Belgio, Lussemburgo. Un successo anche l'INTERNATIONAL CONFERENCE MICRO ENERGY sulle micro energie, articolata in 4 tematiche: micro energy trasformation, dissipation, storage, use. QUALCHE CONCLUSIONE? ? oltre 20 le realtà che hanno partecipato alla giornata dedicata al TRASFERIMENTO TECNOLOGICO. Workshop mattutino, spazi espositivi ed incontri BtoB con, tra gli altri, Sviluppumbria, Meccano, Wisepower, Università Politecnica delle Marche, Università di Camerino, NIPS LAB? Università detli Studi di Perugia. Un appuntamento per favorire il networking e creare opportunità di business per le aziende del territorio umbro?marchigiano che operano nel settore dell’energia e delle tecnologie microelettroniche. Occasione per gruppi di ricerca spin?off e start up innovative dell’Umbria e delle Marche di mostrare le loro innovazioni nel campo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico. ? 70 i progetti arrivati da tutta Italia per il CONTEST promosso da NiPS LAB e pensato per gli studenti degli istituti superiori. STUDENTS VS ICT ha visto la premiazione all'interno di Gubbio Scienza e del MICRO ENERGY DAY dei migliori progetti delle tre sezioni grafica, software, elettronico e telecomunicazione. 5 i premi consegnati a studenti di istituti di Todi, Martina Franca, Trapani, Castiglione del lago e Perugia. L'intento era quello di coinvolgere i giovani sulla promozione e sensibilizzazione verso la riduzione dei consumi energetici nei dispositivi Information Comunication Technology. Questi numeri descrivono bene l'ottimo successo di partecipazione da parte di ogni soggetto: un vanto i tanti scienziati internazionali che hanno animato talk di grande rilevanza scientifica, un orgoglio la partecipazione di pubblico agli eventi pensati per la città con tantissimi genitori e nonni attenti alla formazione scientifica dei giovanissimi. Grande successo poi per la sezione dedicata al trasferimento tecnologico che ha visto la partecipazione di prestigiose aziende, spin off, start up e Università di Umbria e Marche. Gubbio Scienza 2017 ha anche ospitato un prodotto innovativo: studenti e conferenzieri hanno avuto al collo un badge che funziona senza batterie ma solo con energia solare e cinetica, lanciato in prima mondiale per l'occasione da Wisepower srl. L'intera città ha risposto benissimo dimostrando interesse e curiosità per un evento unico nel suo genere, come ha risposto benissimo l'intero territorio anche nelle sue componenti impresa, commercio, ricettività e associazionismo. Il tutto grazie all'estrema disponibilità dell'Amministrazione comunale, della Ludoteca comunale, della Biblioteca Sperelliana, delle attività e degli eugubini. VERSO IL POLO SCIENTIFICO Detto ciò, la domanda che ora sorge spontanea è: "cosa succede alla luce del successo di Gubbio Scienza per dare vita al Polo scientifico nel territorio dell'eugubino?". Risponde il coordinatore prof Luca Gammaitoni. "La manifestazione Gubbio Scienza 2017 rappresenta una tappa in un cammino. La prima tappa è stato il convegno del 7 novembre 2016 che ha avuto l’obiettivo di presentare un’ipotesi di progetto: realizzare un polo scientifico a Gubbio. La seconda tappa è stata la manifestazione Gubbio Scienza 2017 che ha avuto l’obiettivo di mostrare al territorio cosa potrebbe succedere in questa città, tutto l’anno, se ci fosse un polo scientifico stabilmente insediato. La terza tappa sarà la firma del protocollo d’intesa tra i soggetti interessati per la costituzione del consorzio/fondazione per il polo scientifico. I tempi di questa terza, fondamentale tappa sono vicini e l’obiettivo è di giungervi entro l’autunno 2017. Per raggiungere la terza tappa serve ancora molto lavoro ed il suo raggiungimento non è scontato. Occorre coinvolgere ed interessare i vertici politici della regione Umbria e della Regione Marche, nonché il governo centrale. Senza il contributo economico ed il supporto istituzionale offerto da queste istituzioni sarà difficile poter adire alla costruzione del polo scientifico, pur in presenza dell’entusiastico supporto delle imprese e delle università. Questo è uno di quei casi in cui la buona politica può fare la differenza. Speriamo che la faccia". COSA È STATO GUBBIO SCIENZA 2017 Gubbio Scienza 2017 è stato fortemente voluto dall’Università degli Studi di Perugia? Laboratorio Nips, dipartimento di Fisica e Geologia e dal Comune di Gubbio, con la partecipazione di POST Museo della Scienza di Perugia, Psiquadro, DeD Comunicazione, Wisepower srl. Il tutto con il supporto di Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Main Sponsor: Colacem e Colabeton. Gubbio Scienza 2017 vorrebbe aprire la strada alla realizzazione di un POLO SCIENTIFICO vocato alle micro e nano energie per l’uso domestico e l’alimentazione di dispositivi elettronici portabili; un punto di riferimento internazionale nel settore delle nuove energie, un polo scientifico pubblico, con sede nel territorio di Gubbio. Luogo di studio e innovazione grazie all'Università degli Studi di Perugia, l'Università per Stranieri di Perugia, e le università marchigiane di Ancona, Camerino e Urbino. L'idea è quella di creare un CENTRO RICERCA, un CENTRO DI ALTA FORMAZIONE, un CENTRO DI DIVULGAZIONE SCIENTIFICA un INCUBATORE DI IMPRESA. Le tante attività pensate per questa estate avevano lo scopo di rendere evidenti al pubblico e agli operatori interessati cosa significherebbe avere nel territorio il Polo Scientifico. PER SAPERNE DI PIÙ Nella pagina Facebook Gubbio Scienza si può trovare materiale fotografico di tutti gli eventi andati in scena, le interviste agli organizzatori, ai partecipanti, al direttore del gruppo Meccano Letizia Urbani, al sindaco di Gubbio, al coordinatore dell'evento Luca Gammaitoni. Visionabili anche alcuni servizi trasmessi dalle emittenti televisive umbre, l'intervista a Rai Radio 3, le pubblicazioni on line dedicate all'evento. Materiale video è a disposizione. Nel sito www.gubbioscienza.it il blog di Irene Fabbri per conoscere i temi dei vari caffè scientifici promossi.

  • visualizza news 19 Settembre 2017

    SINDACO STIRATI: SU ‘LOGGE DEI TIRATORI’ PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA COMUNICA PARERE DEL CONSIGLIO DI STATO

  • visualizza news 19 Settembre 2017

    BANDO PER LE BORSE DI STUDIO LASCITO CECCARELLI, ENTRO IL 15 DICEMBRE

  • visualizza news 16 Settembre 2017

    Conoscere il cammino di sant'Ubaldo, terza tappa. Da Pontericcioli a Cantiano, domenica 1 ottobre

  • visualizza news 13 Settembre 2017

    A TUTTI I SOCI DEL MAGGIO: QUOTE SOCIALI 2016/2017

  • visualizza news 11 Settembre 2017

    11 settembre 1194: Anniversario della Traslazione del Vescovo Ubaldo

« L'Associazione degli eugubini che collabora con gli eugubini!»