Pubblicati i lavori di “Falsi e Copie nella maiolica medievale e moderna

06 Ottobre 2017

“Falsi e Copie nella maiolica medievale e moderna”è il titolo del volume a cura di Luca Pesante (edizioni Polistampa) che raccoglie gli interventi della Conferenza svoltasi a Bagnoregio. Tra i prestigiosi ed autorevoli studiosi dell’arte ceramica anche l’eugubino Ettore Sannipoli che nella sua ampia esposizione ha proposto dei pezzi di ceramica che si trovano in alcune collezioni private eugubine. Nel contributo Ettore Sannipoli ha sviluppato e approfondito quanto scritto in precedenti articoli e saggi, primo fra tutti quello sulle Contraffazioni e copie nella ceramica eugubina dell’Ottocento, pubblicato negli atti del convegno di studio “Este Persklum”. Prima e dopo le Tavole Eugubine. Falsi e copie fra tradizione antiquaria e rivisitazioni dell’antico (Gubbio, Palazzo Pretorio, Sala degli affreschi, 24−26 novembre 2005), utilizzando come base le precedenti ricerche, in merito alle quali rimanda alla bibliografia riportata, per l’appunto, nel suo saggio del 2010. Prima di entrare nel merito dell’argomento ha ripercorso alcuni passi dell’appendice dedicata da Cesare Brandi alla falsificazione nella sua celebre Teoria del restauro. La falsità−afferma lo studioso senese − non è una proprietà inerente all'oggetto, ma si fonda nel giudizio.

  • visualizza news 22 Settembre 2018

    MOSTRA DEL LUSTRO: CINQUE PAESI UNA VISIONE, PALAZZO DELLA PORTA

  • visualizza news 22 Settembre 2018

    AL VIA LA PROSSIMA SETTIMANA IL PROGRAMMA DEL ‘FESTIVAL DEL MEDIOEVO’ E LE NOVITA’ PER LA CITTA’

  • visualizza news 21 Settembre 2018

    FDM: Il Gruppo Sbandieratori Gubbio per due esibizioni coinvolgenti

  • visualizza news 21 Settembre 2018

    FDM: Bambini e ragazzi protagonisti tra letture, giochi di ruolo e teatro delle ombre

  • visualizza news 21 Settembre 2018

    FDM: Gubbio patria della miniatura tra Oderisi e le esposizioni speciali di "Arte del Libro - unaluna"

« L'Associazione degli eugubini che collabora con gli eugubini!»